Presse-Release-DC-EN

T +33(0)388412560             www.coe.int                 pressunit@coe.int

Rif. DC 125(2019)

Andorra: compiuti progressi nelle misure di prevenzione della tratta di esseri umani, ma occorrono ulteriori azioni

https://go.coe.int/ixCkE

In un rapporto pubblicato oggi, il Gruppo di esperti sulla lotta contro la tratta di esseri umani (GRETA) del Consiglio d’Europa conclude che l’Andorra ha compiuto progressi nella legislazione e nelle politiche volte a prevenire e combattere la tratta di esseri umani, ma ha anche chiesto che le autorità intraprendano ulteriori azioni in una serie di aree.

Il GRETA accoglie con favore l’adozione nel 2017 della legge sulla lotta contro la tratta di esseri umani e per la protezione delle vittime e l’introduzione di disposizioni giuridiche su un periodo di recupero e riflessione e un permesso di soggiorno rinnovabile per le vittime della tratta. Un protocollo di azione per la protezione delle vittime della tratta di esseri umani stabilisce le procedure per l’identificazione delle vittime della tratta e per indirizzarle verso l’assistenza.

Finora in Andorra non sono state identificate vittime della tratta. Tuttavia, il GRETA chiede alle autorità di prestare particolare attenzione ad alcuni settori che potrebbero presentare rischi di sfruttamento, in particolare quelli in cui si impiegano lavoratori stagionali, nonché il settore del lavoro domestico. Le autorità dovrebbero potenziare i loro sforzi per sensibilizzare gli ufficiali di polizia, gli ispettori del lavoro, i funzionari fiscali, i pubblici ministeri e i giudici in ambito di tratta di esseri umani, nonché il pubblico generale. Il GRETA ha inoltre chiesto che il mandato degli ispettori del lavoro consenta loro di contribuire a prevenire e individuare i casi di tratta di esseri umani.

Il rapporto esorta le autorità ad adottare un documento politico strategico per prevenire e combattere la tratta di esseri umani e a includere nel diritto nazionale tutte le finalità della tratta stabilite nella Convenzione, in particolare la tratta per scopi di servizi o lavoro forzato e criminalità forzata.

Infine, il GRETA esorta le autorità ad adottare misure legislative che consentano la possibilità di ritenere persone giuridiche penalmente responsabili dei reati previsti nella Convenzione.

***

Il Gruppo di esperti sulla lotta contro la tratta di esseri umani (GRETA) è un organismo indipendente che monitora l’attuazione da parte dei paesi della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani. Finora sono vincolati dalla Convenzione 46 dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa, nonché la Bielorussia, Stato non membro.

Contatto:

Jaime Rodriguez, Portavoce/Addetto stampa, tel. + 33 3 90 21 47 04